domenica , 29 luglio 2018
Ultime poesie:
Home » Degustazioni » Uno splendido vino turco
Uno splendido vino turco

Uno splendido vino turco

Selection 2011 Kavaklidere

(Vitigni Okuzgozu e Rogazkere)

 

Questo è un vino molto particolare e inusitato per le nostre conoscenze enoiche. Già il colore è strano con un rosso rubino di media intensità cromatica che sfuma sia su un giovanile porpora sia su un più evoluto granato.

Il profumo è intenso, complesso, fine. Spazia dalla confettura di prugne al chiaroscurare sentore di sottobosco, con punte che arrivano fino al goudron. Si avvertono note amarognole di mallo di noce e animali come cuoio e pelliccia, per arrivare a intriganti sensazioni ematiche e minerali di grafite. Chiude una delicata speziatura di pepe nero e noce moscata.

Anche il gusto è molto personalizzato: sul sottofondo di una trama alcolica molto sostenuta si avverte una grande freschezza data dalla buona componente acida e una smussata tensione tannica morbida ed avvolgente.

Il finale è lungo e gradevole con note di radice di liquirizia e mallo di noce.

 

In sintesi un vino complesso e intrigante vinificato in Turchia dall’azienda Kavaklidere con due vitigni tipici dai nomi difficilissimi. Un vino gradevole con un ottimo rapporto qualità/prezzo (sui 15 $)  che ci apre un nuovo orizzonte enoico: la terra che divide l’Europa dall’Asia, dove, forse, è nata tutta la storia del vino ma che a noi italiani è ancora quasi totalmente sconosciuta.

Devo ringraziare, per la nuova conoscenza, un grande amico turco Murat Yanki grande conoscitore dei vini di tutto il mondo e alfiere  dei vini e delle bellezze della Turchia, in particolare della Cappadocia dove lui vive e lavora come albergatore e guida turistica, forte della sua capacità di parlare 6 o 7 lingue, di una cultura generale enorme e di una modestia esagerata.

 

Un commento

  1. Ah il mitico Okuzgozu! Il mio vitigno preferito quando si parla di Turchia… tra tutti quelli assaggiati con Murat quando siamo stati da lui, quello che maggiormente mi e’ rimasto impresso!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Scroll To Top