domenica , 29 luglio 2018
Ultime poesie:
Home » Degustazioni » Nebbioli del Sud Piemonte: il Barbaresco
Nebbioli del Sud Piemonte: il Barbaresco

Nebbioli del Sud Piemonte: il Barbaresco

 

Classifica e descrizione

 

1° Barbaresco Martinenga 2007 Cisa Asinari di Gresì

Colore “vintage”: granato scarico con forte unghia aranciata.

Tutte le varianti del caffè, poi liquirizia, cuoio, confettura di bacche di sambuco. Sottobosco, muschio e funghi, marron glassè, ibisco e genziana.

In bocca grande equilibrio di sensazioni di alto livello. Perfetta la continuazione olfatto gusto/olfatto.  Sempre pulitissimo ed elegante. Persistenza lunghissima.

 

2° Barbaresco Gaja 1995

Granato con lunga unghia aranciata.

Naso elegantissimo. Frutta sotto spirito, cioccolato, rosa. Spezie pungolanti: pepe nero e chiodi di garofano. Leggero affumicato, nocciola tostata e tartufo.

Fantastica la bocca: tannini imperiosi e perfettamente smussati, grande freschezza e sapidità. Ottima continuazione naso bocca. Lunga persistenza.

 

3° Barbaresco Gaja 2008

Granato scarico con unghia aranciata.

Naso grandioso per ampiezza e originalità: cugnà, tabacco, pelliccia, pepe e cannella. Mentolato, mirtillo sotto spirito, cipria, ciliegina matura. Rabarbaro, genziana, inchiostro di china, torroncino.

Bocca molto saporita, tannini dolci, grande freschezza.

 

4° Barbaresco “Camp Gros” Martinenga 1999 Marchesi Cisa Asinara di Gresì.

Colore fitto, granato molto giovanile.

Naso intenso e molto bello. Tabacco, cuoio, subito appaiati alle spezie: pepe nero e vaniglia. Ciliegina sotto spirito e mora dii gelso. Lacca, rabarbaro, viola e foglia di castagno.

Bocca grassa, equilibrata. Tannini dolcissimi. Finale lungo.

 

5° Barbaresco Valgrande 2004 Ca’ del Bajo.

Granato molto fitto con unghia aranciata.

Naso intenso. Viene per prima la liquirizia, poi cuoi, prugna, caffè e cioccolato. Ancora speziato da pepe nero, un alito di mentolato e note lattiche.

Grande bocca, tannini domati, ma ancora esuberanti.

 

 

6° Barbaresco Bricco 2001 Dante Rivetti.

Granato di media fittezza con unghia arancio.

Naso evoluto con pellame e cuoio, sottobosco, castagne e funghi.

Bocca un po’ sottotono, con un po’ di acidità di troppo.

 

 

7° Barbaresco Pajè 2004 Roagna

Granato scarico con forte unghia  aranciata.

Violetta, liquirizia, caramella mou, cacao.

Bocca grassa, morbida, ma anche fresca. Tannini cioccolatosi.

Questo vino ha diviso gli assaggiatori, ad alcuni è piaciuto molto, altri ci hanno trovato persino delle puzzette non avvertite dai primi.

 

8° Barbaresco Tettineive 2005 Scarpa.

Granato molto fitto, quasi violaceo, molto giovanile e anche un po’ atipico.

Naso accattivante di cioccolato, cuoio, liquirizia, vaniglia e cannella, rosa canina e mirtillo.

Bocca grassa, grande trama alcolica, ma anche ottima freschezza. Tanto gusto di cioccolato e caffè.

 

9° Barbaresco Gaja 1998.

Granato fitto piuttosto giovanile con leggera unghia aranciata: molto “moderno”.

Fumo e tabacco, noce, cuoio, pelliccia, pepe e vaniglia.

In bocca molta liquirizia. Tannini potenti ancora indomiti. All’inizio si presenta con una nota di riduzione e sentori di frutta cotta, ma poi si apre e diventa più gradevole.

Anche questo campione ha diviso il gruppo degli assaggiatori con grosse differenze di giudizio.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Scroll To Top