domenica , 29 luglio 2018
Ultime poesie:
Home » Poesie » Lingua
Lingua

Lingua

Ho stappato la bottiglia più rara della mia cantina,

ero triste avevo bisogno di gioire.

Ho versato con amore, lasciando spazio nel calice

per lasciare che il vino si sposasse

con l’amico-nemico ossigeno.

Ho osservato il colore, la limpidezza, la consistenza degli archetti.

Ho annusato rose, viole, ciliegie, tabacco e cioccolato

e, finalmente, ho lasciato scivolare il liquido rosso sulla lingua.

Ho accarezzato il velluto dei tannini buoni, dolci, morbidi

dopo anni di cura nella cantina intima.

Ho sentito il fresco messaggio degli acidi,

il peso di un corpo giusto e importante,

un po’ di dolce e un po’ di amaro,

il calore degli alcoli, lo stimolo dei sali.

La mia lingua, capace di baciare, capace di capire,

capace di farmi provare piacere…

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Scroll To Top